evway in forte crescita con oltre 6 MW erogati

L’intero settore dell’ e-mobility sta crescendo repentinamente. Nei primi 3 trimestri del 2016 sono state vendute circa 518 mila auto elettriche, numero che si aggira intorno ad 800 mila unità se si considera anche l’ultimo trimestre dell’anno appena concluso: un incremento pari al 40% rispetto al 2015.

Calandoci nella realtà europea è possibile notare come sui 340 mila veicoli immatricolati tra Gennaio 2015 e Settembre 2016, 1 su 4 sia olandese, tant’è che proprio i Paesi Bassi rappresentano il primo mercato europeo, seguito da Norvegia, UK, Francia e Germania. L’Italia purtroppo, è indietro rispetto a questi Paesi, detenendo soltanto l’1% del mercato europeo. La dimensione del mercato italiano, infatti, è particolarmente ridotta: soltanto 2560 auto elettriche vendute nei primi 3 trimestri del 2016 per un valore pari allo 0.1% dell’intero mercato delle auto in Italia. Il motivo di ciò, è dovuto principalmente alla scarsità di incentivi e alla distribuzione disomogenea di centraline di ricarica sul territorio.

Proprio queste ultime, le colonnine di ricarica, rappresentano un’altra importante fetta dell’intero settore dell’e-mobility. A fine 2016 si contano nel mondo circa 1,45 milioni punti di ricarica, una crescita pari all’81% rispetto ai numeri dell’anno precedente (800 mila). Tale settore è suddiviso in pubblico e privato: proprio queste ultime, le colonnine private, collocate in ambienti non aperti a terzi, costituiscono la stragrande maggioranza del settore, a discapito di quelle pubbliche che invece rappresentano soltanto il 13% del totale, circa 190 mila unità. Dai dati riportati dall’e-mobility report di Gennaio 2017, è possibile notare come il rapporto medio a livello globale tra auto elettriche e colonnine sia pari a 0.86 veicolo/punto di ricarica. Tale rapporto, tuttavia, dovrebbe essere di 1 ad 1: soltanto la Cina supera tale valore (1,05), seguita dalla Svezia che ci si avvicina (0.99); in Italia, invece, è pari a 0.66, ben al di sotto della media a livello globale, tant’è che si possono stimare soltanto, 9000 punti di ricarica di cui l’80% private ed il 20% pubbliche (1750 punti di ricarica).

In ben 92 province italiane è presente almeno un punto di ricarica pubblico, quindi si potrebbe benissimo affermare che la rete infrastrutturale italiana sia capillare e ben ramificata lungo tutta la penisola. In realtà, però, non è così: il 40% di tutte le colonnine di ricarica presenti sul territorio, infatti, è distribuito soltanto su 4 città, ovvero Firenze, Roma, Milano e Perugia, a testimonianza del fatto che il sistema infrastrutturale di ricarica è disomogeneo e frammentato. A prescindere da questa problematica, non si può negare che si tratti, comunque, di un settore in crescita, +28 a livello italiano, rispetto all’anno precedente, tant’è che molte aziende stanno scommettendo sull’intero settore dell’e-mobility in termini di sviluppo di medio termine. L’obiettivo è quello di creare una rete infrastrutturale omogenea su tutto il territorio nazionale a disposizione di tutti gli evdriver.

È in questo contesto che si inserisce evway by Route 220, che attraverso la propria piattaforma integrata vuole trasformare la pausa ricarica in una vera e propria opportunità, incentivando il turismo e fornendo servizi per la mobilità elettrica e per il viaggiatore responsabile. Grazie alla propria app, evway, fornisce una web-map di tutti i comuni e di tutte le imprese di accoglienza ed attività commerciali che presentano un punto di ricarica green: l’evdriver, dopo aver consultato la mappa, può prenotare la postazione e pagare, direttamente tramite app, la propria ricarica in modo smart e veloce. Inoltre, ha la possibilità, di ricevere in tempo reale, informazioni relative alle attività disponibili presso le strutture dotate di colonnine, in modo tale da poter decidere come impiegare il proprio tempo di ricarica.

Quella di evway, dunque, è senza dubbio una realtà in crescita. A conferma di ciò parlano i dati: da maggio 2016 ad oggi, sono circa 100.000 le colonnine mappate in Europa, di cui 2.000 in Italia, 300 le strutture associate e più di 500 gli utenti attivi. Evway, inoltre, ha sviluppato un network di colonnine proprie e smart, installandone ben 28 nel nord Italia: questi punti di ricarica, da Maggio 2016 ad oggi, sono stati utilizzati per un totale di 125.790 minuti, erogando, complessivamente, più di 6 mega Watt di energia.

È per tutte queste motivazioni che è possibile affermare che, ad oggi, evway è il primo ed unico network interoperabile in Italia.